STUPEFACENTI

Ribera, operazione «Pier delle Vigne»: primi interrogatori

di
Si difende Giuseppina Caltagirone: «Mai avuto nulla a che fare con la droga». Puccio si avvale della facoltà di non rispondere, domani tocca a Giardiello

RIBERA. «Mai avuto nulla a che fare con la droga». Si è difesa, per tre ore, ieri pomeriggio, al palazzo di giustizia di Sciacca, Giuseppina Caltagirone, di 28 anni, che si trova agli arresti domiciliari. È la moglie di Carlo Giardiello, di 34 anni, in carcere, ritenuto il personaggio centrale dell’operazione «Pier delle Vigne», che ha fatto scattare sei arresti, tra Ribera e Palermo. Giuseppina Caltagirone ha risposto alle domande del Gup, Roberta Nodari, e del Pubblico ministero, Alessandro Moffa, respingendo sempre le accuse.

La donna, assistita dall’avvocato Francesco Di Giovanna, avrebbe dato una spiegazione anche in merito al contenuto di quell’intercettazione in cui il marito, tornando da Palermo, le riferiva di avere acquistato «fave e polpette». A Giardiello poi venne sequestrata la droga, ma la Caltagirone ha detto che nell’auto c’erano anche fave e polpette. La donna avrebbe risposto pure sulla provenienza del denaro per acquistare i beni che sono stati sequestrati, per un valore di circa 100 mila. La casa - avrebbe detto - sarebbe stata acquistata dal padre.

Leggi la versione integrale e le altre notizie in edicola o sul giornale digitale CLICCA QUI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook