INCHIESTA SELF SERVICE

Presunto giro di tangenti per le concessioni edilizie, chieste 8 condanne ad Agrigento

AGRIGENTO. Il pubblico ministero di Agrigento Alessandro Macaluso ha chiesto la condanna di 8 delle 11 persone accusate, a vario titolo, di associazione per delinquere, corruzione, abuso d'ufficio e truffa. L'inchiesta, della Digos, è quella denominata «Self Service» su un presunto giro di tangenti per il rilascio, al Comune di Agrigento, di concessioni edilizie.  Per Sebastiano Di Francesco e Luigi Zicari, ex dirigenti dell'Utc di Agrigento, la Procura ha rispettivamente chiesto 6 anni ed 8 anni e 6 mesi di reclusione. Per Pietro Vullo e Roberto Gallo Afflitto sono stati chiesti, rispettivamente, 4 anni e 6 mesi. Chiesti 2 anni per Gerlando Tuttolomondo, mentre per i vigili urbani Rosario Troisi e Calogero Albanese è stata chiesta la condanna, rispettivamente, ad 1 anno e 4 mesi e ad 1 anno e 2 mesi. Otto mesi di reclusione chiesti, infine, per Massimo Lorgio. Per Alfonso Vullo è stata chiesta, invece, la sentenza di assoluzione «perchè il fatto non sussiste»; per Salvatore Palumbo, invece, il «non doversi procedere per intervenuta estinzione del reato» (morte del reo); e per Pasqualina Sciarratta per «non aver commesso il fatto».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X