TRIBUNALE

Favara, crollo di via del Carmine: "Tragedia imprevedibile"

di

FAVARA. Due imputati si difendono. Al Comune, nel periodo in cui hanno lavorato, «non c’erano fascicoli che segnalavano situazioni di particolare fatiscenza di quegli immobili». È arrivato al giro di boa il processo per il crollo della palazzina di via del Carmine, dove il 23 gennaio del 2010 restarono uccise le sorelline Chiara e Marianna Bellavia di 3 e 14 anni. Nelle scorse udienze erano stati ascoltati i consulenti tecnici. In quella successiva saranno sentiti i primi testi della difesa.

Sul banco degli imputati siedono gli ex sindaci Carmelo Vetro e Lorenzo Airò, la proprietaria e il possessore dell’immobile Rosalia Presti e Antonio Noto; nonché sei fra dirigenti ed ex dirigenti dell’Utc di Favara: Francesco Criscenzo, Giacomo Sorce, Sebastiano Dispenza, Pasquale Amato, Alberto Avenia e Antonio Grova. Ieri è stato sentito Amato che, peraltro, da quasi due anni è sindaco di Palma di Montechiaro. «Nel periodo in cui ho lavorato all’interno dell’ufficio tecnico – ha detto rispondendo al proprio difensore, Enrico Quattrocchi – ho cercato di riorganizzare anche il monitoraggio degli immobili a rischio. Non c’erano segnalazioni particolari di pericolo in quel momento».

Leggi la versione integrale e le altre notizie in edicola o sul giornale digitale CLICCA QUI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X