INDAGINI

Omicidio di Naro, l’indagine passa alla Dda

di
A poche ore dall’agguato mortale gli inquirenti privilegiano la pista mafiosa. L’inchiesta verrà coordinata dal procuratore aggiunto Maurizio Scalia

AGRIGENTO. Sarà la Direzione distrettuale antimafia di Palermo ad indagare sull’omicidio di Salvatore Terranova, commerciante di 58 anni, freddato dai sicari lunedì sera a Naro, pochi istanti dopo la chiusura del negozio di casalinghi di cui era titolare in piazza Francesco Crispi. La decisione è stata presa ieri mattina, al termine di un confronto telefonico tra Maurizio Scalia, procuratore aggiunto della Dda che coordina tutte le indagini di mafia di Agrigento, ed i vertici della procura agrigentina, rappresentati dal procuratore capo Renato Di Natale e dall’aggiunto Ignazio Fonzo.

Ad intervenire in piazza Crispi, lunedì sera, era stato Santo Fornasier, magistrato di turno in procura ad Agrigento che ha coordinato le prime indagini condotte dai carabinieri. Già poche ore dopo il delitto era stata ipotizzata la possibilità che la competenza delle indagini passasse alla Dda, nella tarda mattinata di ieri è stata presa la decisione. La scelta dei magistrati è stata presa ieri, poche ore dopo l’agguato. Salvatore Terranova non aveva precedenti penali, ma a fare il suo nome erano stati alcuni collaboratori di giustizia. Prima Salvatore Morello, che successivamente aveva ritrattato le dichiarazioni, e più di recente Giuseppe Sardino, già consigliere comunale di Naro, avevano parlato di una vicinanza di Salvatore Terranova a Cosa Nostra. Gli investigatori avevano eseguito i riscontri del caso, che avevano dato esito negativo. Salvatore Terranova era risultato pulito, tanto che nei confronti del titolare del negozio di articoli per la casa non era stato aperto alcun procedimento giudiziario. All’origine della scelta della Direzione distrettuale antimafia di coordinare direttamente le indagini sull’accaduto ci sono, anche, le modalità del delitto ed il modus operandi dei sicari. Secondo gli investigatori le dinamiche dell’omicidio sono identiche a quelle dei delitti di mafia.

ALTRE NOTIZIE NEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

TAG: , ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X