IL CASO

Suicidio misterioso a Ravanusa, i carabinieri fermano diverse persone

di

RAVANUSA. Molti contorni della vicenda sono ancora da chiarire, e solo oggi gli investigatori (che hanno mantenuto uno strettissimo riserbo) dovrebbero rendere noti i dettagli dell’accaduto, ma a Ravanusa ci sarebbero diverse persone fermate per una vicenda che si è consumata nella giornata di martedì e che, in qualche modo, avrebbe a che fare anche con il suicidio del rumeno di 50 anni. Già mercoledì si era appreso che sulle modalità del suicidio dell’uomo i magistrati della procura di Agrigento avevano prestato la massima attenzione.

Ad indagare sono i carabinieri della stazione cittadina, insieme a quelli della compagnia di Licata, ed anche se per gli inquirenti non ci sarebbero dubbi sul fatto che la morte del rumeno (che si è impiccato nella tromba delle scale della palazzina in cui abitava) sia stata certamente provocata da suicidio, c’è la volontà di chiarire ogni aspetto del decesso dell’uomo. Gli inquirenti stanno valutando l’ipotesi che il suicidio del rumeno sia collegato, in qualche modo, con il pestaggio avvenuto nel pomeriggio di martedì a Ravanusa, quando un gruppo di persone del luogo (secondo l’accusa) ha picchiato selvaggiamente due giovanissimi rumeni. Uno di questi era imparentato con il cinquantenne che si è tolto la vita nella periferia del paese.

ALTRE NOTIZIE SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA OGGI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X