SANITA'

Intesa tra Sicilia e Tunisia, coinvolto l'ospedale di Sciacca

di

AGRIGENTO. L’ospedale Giovanni Paolo II di Sciacca è tra le strutture sanitarie coinvolte in una collaborazione tra la Sicilia e la Tunisia nell’ambito del progetto di ricerca denominato Aida (Auto Immunità: Diagnosi Assistita da computer), finanziato dalla Comunità Europea. Inserito nel quadro della cooperazione transfrontaliera Italia/Tunisia per la ricerca e l'innovazione nel settore della salute, l'obiettivo principale del progetto è migliorare la diagnosi di malattie autoimmuni, attraverso l'applicazione di sistemi informatici esperti applicati alle immagini d’immuno-fluorescenza. Coordinatore del progetto è il professore Giuseppe Raso, ordinario dell’università di Palermo. Domani sessione di lavori presso l’aula “Piraino” dell’ospedale di Sciacca, aperta a tutti gli operatori della sanità interessati a questa importante problematica con gli interventi dei rappresentanti dell’Asp, dell’assessorato regionale alla Salute. Previste le presentazioni scientifiche che illustreranno i risultati raggiunti, da parte del professore Giuseppe Raso, del dottore Giuseppe Friscia e della professoressa e Melika Ben Ahmed, dell’Istituto Pasteur di Tunisi.

ALTRE NOTIZIE SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA OGGI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook