ORDINE PUBBLICO

Grotte, in fiamme la saracinesca di un panificio

di
CI sono volute due ore per spegnere l'incendio

GROTTE. Il fuoco ha danneggiato la saracinesca. Il fumo è riuscito ad infilarsi all'interno, annerendo le pareti e creando danni. Sembra avere tutte le caratteristiche di un attentato intimidatorio l'incendio che si è sviluppato in una delle prime traversine di corso Garibaldi, nel cuore di Grotte, ai danni di un panificio. I vigili del fuoco del distaccamento di Canicattì - dopo aver raccolto l'allarme alla centrale operativa - sono intervenuti che erano le 22 circa. Per circa due ore sono rimasti al lavoro, prima riuscendo ad avere la meglio sulle fiamme e poi cercando di mettere tutto in sicurezza.

Al lavoro, per ore ed ore, anche i carabinieri della locale stazione, coordinati dal comando compagnia di Canicattì. Pompieri e militari dell'Arma, nelle immediate vicinanze del panificio, non hanno trovato taniche o bottiglie sospette.  Tuttavia, trattandosi di un rogo alla saracinesca, sembrerebbe - ed è questo particolare che le indagini dei carabinieri privilegiano - che le fiamme siano state appiccate. Che si tratterebbe di un incendio dalla matrice dolosa, dunque.  Spetterà, naturalmente, all'inchiesta - immediatamente aperta, avvisando il sostituto procuratore di turno - fare chiarezza. I militari di Grotte hanno già sentito i titolari del "Forno Amato". Proprietari che non sono di Grotte, ma della vicina Castrofilippo. Fitto è, naturalmente, il riserbo degli investigatori che non lasciano trapelare nessuna piccola indiscrezioni sulle testimonianze raccolte.

ALTRE NOTIZIE SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA OGGI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook