PRESUNTA TRUFFA

"Falsi braccianti a Ravanusa", chiesti 31 rinvii a giudizio

di
Fissata per il 31 marzo l’udienza preliminare nei confronti delle persone coinvolte nell’indagine della Finanza su un giro di finte assunzioni a Ravanusa

RAVANUSA. False assunzioni come braccianti agricoli per ottenere l'indennità di disoccupazione: trentuno persone finiscono a processo. Il pm Andrea Maggioni, componente del dipartimento reati contro la pubblica amministrazione, coordinato dal procuratore aggiunto Ignazio Fonzo, ha chiesto il rinvio a giudizio per tutti gli indagati ai quali vengono contestati i reati di falso e truffa aggravata. L'udienza preliminare è in programma il 31 marzo davanti al gup Stefano Zammuto. I personaggi chiave dell'indagine svolta sul campo dalla Guardia di finanza di Canicattì sono Luigi Lillo Iacona e Nazareno Abbruscato, titolari di ditte omonime individuali che, secondo l'accusa, avrebbero creato i falsi braccianti per lucrare sulle indennità. L'ammontare della presunta truffa ai danni dell'erario è di circa 150 mila euro.

ALTRE NOTIZIE SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA OGGI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook