SISMA

Valle del Belice, arrivano fondi per trenta milioni di euro

Per i Comuni che, a distanza di decenni, sono ancora alle prese con la infinita ricostruzione

SANTA MARGHERITA. Arrivano finalmente, nelle casse dei 21 comuni della Valle del Belice, i 35 milioni di euro stanziati nella legge di stabilità del 2013 e provenienti dal fondo sociale di coesione. Comuni che sono ancora alle prese con la ricostruzione. Soldi che non basteranno comunque per chiudere la fase post sisma, ma che costituiscono una boccata di ossigeno per il comparto edilizio, praticamente fermo.

Con una nota del 26 Gennaio, diramata dalla Presidenza della Protezione Civile, è stata data comunicazione ai 21 Comuni interessati dal sisma del 1968 che le somme destinate agli interventi della linea d'azione "Ricostruzione aree terremotate del Belice del Fondo Sociale di Coesione 2007/2013- Finanziamento ex legge 228/2012" sono state finalmente sbloccate. Di queste somme il 38 %, cioè pari a poco più di 13 milioni di euro, andranno ai 4 comuni terremotati agrigentini, il 42% (cioè pari a 14,7 milioni di euro) agli otto comuni terremotati del trapanese, ed il restante 21% pari a poco più di 7 milioni di euro ai 9 comuni del palermitano. In dettaglio: a Menfi arriveranno 4,9 milioni di euro, a Santa Margherita di Belìce 4,2 milioni di euro, a Sambuca di Sicilia 2.625.000 euro, a Montevago 1,4 milioni di euro.

ALTRE NOTIZIE SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA OGGI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X