POLIZIA

Porto Empedocle, aggressione al capo della guardia Costiera: denunciati padre e figlio

di

PORTO EMPEDOCLE. Due persone, padre e figlio, sono state denunciate. Sono - secondo quanto è stato ricostruito dalla Capitaneria di porto e dalla polizia di Stato - gli aggressori del capitano di fregata, a capo della Guardia costiera di Porto Empedocle, Massimo Di Marco. Di Marco che s'è visto dare, dopo i controlli effettuati all'ospedale "San Giovanni di Dio", 7 giorni di prognosi per le contusioni riportate. La Tac ha escluso altri danni. I due empedoclini - G. D. di 46 anni e il figlio C. D. - dovranno rispondere delle ipotesi di reato di violenza ed aggressione a pubblico ufficiale, minaccia, lesioni, danneggiamento e ingresso non autorizzato in area militare. Non è escluso che, nei loro confronti, possano anche venire adottate delle misure cautelari.

Fra l'altro, il quarantaseienne sarebbe già una "vecchia conoscenza" della Capitaneria.  I militari della Guardia costiera, domenica pomeriggio, avevano - secondo la loro ricostruzione - "pizzicato" 3 presunti pescatori abusivi di novellame su una barca abusiva che aveva calato le reti direttamente in porto. Uno dei 3 sarebbe riuscito a scappare, portando con se la rete. Gli altri due, invece, - Maurizio Fratacci, 22 anni, e Giorgio Farruggia di 29 - erano stati bloccati. Rischiavano al massimo una sanzione amministrativa. Invece, - secondo l'accusa - avrebbero opposto resistenza, avrebbero minacciato e tentato di aggredire. I 2 sono stati, così, portati negli uffici della Capitaneria dove, su disposizione del sostituto procuratore di turno, sono stati arrestati e posti ai domiciliari.

ALTRE NOTIZIE SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA OGGI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X