SCIOPERO

Operatori ecologici senza paga: si ferma la raccolta in sette paesi agrigentini

di
I commissari della Dedalo: «Stiamo pagando gli stipendi, protesta da sospendere»

AGRIGENTO. Si ferma di nuovo, in sette Comuni dell’agrigentino, la raccolta dei rifiuti e stavolta l’emergenza discariche non c’entra. Le segreterie provinciali, della funzione pubblica, di Cgil, Cisl e Uil, hanno proclamato lo sciopero degli operatori ecologici per il prossimo 6 di gennaio.

All’origine della protesta c’è il mancato pagamento dell’ultimo stipendio. Salvo ripensamenti, i netturbini, il 6 di febbraio, non raccoglieranno i rifiuti a Licata, Palma di Montechiaro, Naro, Camastra, Ravanusa, Campobello di Licata e Canicattì.

Ieri, però, Rosario Miceli e Francesco Mannone, rispettivamente commissario liquidatore e commissario straordinario dell’Ato Ag3, hanno rivolto alle organizzazioni sindacali un appello a revocare lo sciopero.

“Comunichiamo – scrivono Mannone e Miceli - che sono stati effettuati, in data odierna (ieri ndr), i pagamenti degli stipendi del mese di dicembre 2014 in favore dei lavoratori del cantiere di Naro; sono in pagamento gli stipendi del mese di dicembre 2014 dei lavoratori del cantiere di Campobello di Licata; non appena perverrà la liquidità da parte del Comune di Campobello di Licata verranno liquidate le spettanze dovute ai lavoratori. Per i ritardati pagamenti relativi ai lavoratori dei cantieri dei Comuni dell’Ato, le spettanze verranno liquidate non appena i Comuni interessati verseranno gli importi già fatturati”.

ALTRE NOTIZIE SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook