A PALMA

"Quella rapina fu fatta da un carabiniere", il pm chiede 4 anni e 6 mesi

di
Nel 2011 sarebbe entrato con alcuni complici nell'abitazione di un anziano morto

AGRIGENTO. «Per una rapina commessa da un carabiniere infedele non ci sono attenuanti, siamo andati molto oltre i rapporti con gli informatori. Qua è successo il contrario, è stato il militare spesso a dare informazioni su dove andare a rubare». Parole durissime, quelle del pm Matteo Delpini, che portano all’inevitabile richiesta di condanna: 4 anni e 6 mesi di reclusione è la proposta di pena avanzata nei confronti di Andrea Mirarchi, 38 anni, carabiniere originario di Catanzaro, in servizio alla caserma di Palma prima di essere sospeso e poi coinvolto in un’altra vicenda giudiziaria con l’accusa di avere di avere favorito la latitanza del boss di Delia, Cesare Genova. Mirarchi, insieme ai fratelli Francesco e Calogero Burgio, 29 e 39 anni, e una quarta persona mai identificata, il 9 maggio del 2011 sarebbero entrati nell’abitazione di un anziano, morto da alcuni giorni, per rubare degli oggetti personali e alcune armi regolarmente denunciate. Mentre i quattro, secondo l’accusa, erano all’interno dell’abitazione e la stavano svaligiando sarebbe sorto un contrattempo. Un vicino di casa, sentendo i rumori, decise di intervenire ed entrare all’interno per mettere in fuga i ladri. Lì trovò il carabiniere e le altre tre persone che stavano portando via le armi e il resto. A quel punto uno di loro afferrò un fucile ad aria compressa, lo puntò contro l’uomo che voleva sventare il furto e sparò contro di lui.

ALTRE NOTIZIE SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA OGGI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X