NARO

Raccolta differenziata, nove sindaci dell'Agrigentino scrivono a Crocetta

di
Gli amministratori dei Comuni della Dedalo Ambiente lamentano i problemi legati all’impiantistica

AGRIGENTO. I sindaci dei sette Comuni della Dedalo Ambiente, convocati a Naro dal primo cittadino Lillo Cremona per fare il punto sull’emergenza rifiuti, lanciano l’allarme sulla mancanza di impiantistica per lo smaltimento. Alla riunione, oltre ai rappresentanti delle amministrazioni comunali di Naro, Licata, Palma di Montechiaro, Canicattì, Ravanusa, Campobello e Camastra, hanno partecipato anche i sindaci di Castrofilippo e Grotte che fanno parte dell’Ato Ag2.

”La riunione doveva servire soprattutto - si legge in una nota diffusa dal Comune di Naro - per intraprendere le opportune iniziative a seguito del decreto del dipartimento Regionale Acqua e Rifiuti che inibiva ai 23 comuni dell’ATO AG2 e AG3 lo sversamento dei rifiuti in discarica nel periodo dal 7 al 15 gennaio. In vigenza di quel decreto, i cittadini di tali Comuni avrebbero dovuto tenere a casa la spazzatura per più di una settimana. Per fortuna, invece, proprio sabato sera il presidente Crocetta ha firmato un’ordinanza contingibile e urgente. In base a quest’ultima, il dipartimento Regionale Acqua e Rifiuti ha dovuto subito modificare il proprio precedente decreto, autorizzando così i 23 comuni dell’agrigentino a conferire i rifiuti nella discarica di Catania, due giorni sì e due giorni no, sino a quando non riaprirà i battenti la più vicina discarica privata di Siculiana”.

ALTRE NOTIZIE SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA OGGI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook