SERIE D

Feola striglia i suoi: «I primi 45 minuti giocati malissimo»

di

AGRIGENTO. Pareggio acciuffato per i capelli e primato solitario al giro di boa non fanno cambiare idea all’allenatore dell’Akragas Vincenzo Feola. Più critiche che elogi ai suoi giocatori a fine partita. «Se giochiamo come abbiamo fatto nel primo tempo non vinciamo il campionato. Voglio capire cosa è successo, nell’intervallo ho detto loro che li avrei cambiati tutti se avessi potuto. Regalare 45 minuti agli avversari è imperdonabile». Dopo il bastone anche la carota. «Allo stesso modo devo fare loro i complimenti - aggiunge - per come hanno saputo reagire nella ripresa. Li abbiamo messi sotto e ci abbiamo creduto fino alla fine dimostrando di avere personalità».

Il tecnico, come da copione, sminuisce la portata del titolo di inverno. «Guardare a metà stagione cosa hanno fatto gli altri non serve a nulla». Poi analizza la gara dal punto di vista tattico. «Se in questa squadra non girano i quattro attaccanti è inevitabile che si vada in sofferenza. Irrobustire il centrocampo? Lo avrei fatto, ma l’infortunio di Bonaffini non mi lasciava alternative». Infine un bilancio dopo la conclusione del girone di andata. «L’ho detto fin dall’inizio che sarebbe stato un campionato equilibrato. Non ho mai dichiarato - aggiunge Feola - che avremmo vinto con dieci punti di vantaggio dalla seconda. Ci sono tante squadre forti e attrezzate e il Rende è una di queste».

 

ALTRE NOTIZIE NEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X