IL BILANCIO

L’analisi della Uil, sono disoccupati il 50 per cento di donne e giovani dell'Agrigentino

di
«Persi posti di lavoro e previsioni più nere»

AGRIGENTO. «Il bilancio dell’anno appena conclusosi, è di sostanziale negatività sia per i lavoratori che per tutti i cittadini». Anche per la Uil agrigentina il 2014 è stato un altro da dimenticare. «Il Pubblico Impiego - ricord ail segretarrio Aldo Broccio - è oggetto di bombardamento, non solo mediatico, da parte di chi governa, i lavoratori pubblici hanno il contratto di lavoro scaduto da oltre sei anni con notevole perdita del potere d’acquisto e continuano ad essere penalizzati. Si aspetta la legge per la riforma delle province, ma nessuno sa come il Governo nazionale e quello Regionale vogliono veramente riformare questi Enti Locali, quali competenze affidare e quale e quanto personale mantenere». Il segretario analizza anche gli altri aspetti che in negativo hanno caratterizzato la vita del territorio.

ALTRE NOTIZIE SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA OGGI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X