COMUNE

Agrigento, non ci sono soldi: 30 bimbi disabili restano a casa

di
Il segretario generale dell’Ente, Liotta, si è impegnato ad intercedere con la cooperativa per far riprendere il servizio già a partire da questa mattina

AGRIGENTO. Accompagnano i propri figli a scuola come tutti i giorni, ma una volta dentro, qualcuno li informa che il servizio di assistenza igienico sanitaria gestita d auna cooperativa con fondi del Comune, è stata sospesa. Così, all’improvviso. Senza alcuna comunicazione preventiva, come se i genitori e i loro bambini disabili fossero meno che oggetti. È successo ieri mattina ad Agrigento, dove al suono della campanella di ingresso, i genitori di una trentina di bambini, sono rimasti di sasso apprendendo, sul posto, quello che stava accadendo. «Ci è stato detto - spiega Franco Gangemi, il papà di una delle alunne - che la cooperativa aveva sospeso il servizio di assistenza ai nostri figli perchè il Comune aveva finito i soldi per pagarli. Soldi che però si trovano subito quando si tratta di finanziare associazioni pseudo culturali, a colpi di 30 mila euro a volta per fare cosa non si capisce bene». Cangemi, non ci sta e dopo aver lasciato la figlia a casa, ha comprato un metro e mezzo di catene e un catenaccio e si è incatenato dinanzi la prefettura, luogo sempre più spesso meta di persone che vogliono denunciare ingiustizie e soprusi. Con tanto di cartello al collo, Cangemi ha voluto manifestare la propria rabbia. La protesta non è passata inosservata al prefetto Nicola Diomede che, come poche altre volte nella storia della prefettura agrigentina, non si trincera dietro carte bollate e burocrazia ma va subito al sodo. Diomede è sceso dal Palazzo e ha parlato con un padre incatenato per disperazione.

ALTRE NOTIZIE SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA OGGI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X