IL CASO

Acqua, Federconsumatori Agrigento chiede lo stop ai distacchi per morosità

di

AGRIGENTO. I due casi registrati negli ultimi giorni (l’anziano morto per infarto a Lucca Sicula mentre gli veniva “tagliata” l’acqua, e l’operatore di Girgenti Acque picchiato a Ravanusa dall’uomo cui stava eseguendo il distacco del contatore), tornano a far salire la tensione sulla società agrigentina che gestisce le risorse idriche in gran parte del territorio provinciale. Per Ilenia Capodici, presidente di Federconsumatori Agrigento, “la misura è colma, adesso diciamo basta”.

Federconsumatori, insieme ad Adiconsum, Adoc, Unione nazionale dei consumatori e Movimento per la difesa dei cittadini, da tempo sostiene che “le tariffe di Girgenti Acque sono da cambiare”, ma ora l’attenzione è puntata proprio sulle azioni avviate dalla società agrigentina per eseguire il distacco agli utenti morosi. “Riteniamo – conferma Ilenia Capodici – che il distacco per morosità, riguardo ad un servizio essenziale come quello dell’acqua, non debba essere posto in essere. Girgenti Acque, come fanno le aziende nazionali che erogano energia elettrica o altri servizi, al massimo potrebbe ridurre la portata idrica, ma non sospenderla. E poi bisogna valutare da caso a caso. Ci risulta che in alcune occasioni il distacco sia stato eseguito malgrado l’entità della bolletta non pagata non fosse molto rilevante”.

ALTRE NOTIZIE NELL'EDIZIONE DI AGRIGENTO DEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook