RIBERA

Ponte Verdura, i proprietari dei terreni: «Si punti sull’esistente»

di
I produttori dei terreni coltivati ad agrumi dicono che l’intervento sarebbe meno costoso e più facilmente realizzabile di quello progettato

RIBERA. "Noi proprietari dei terreni interessati alla costruzione del nuovo ponte Verdura non contestiamo questo progetto per non fare costruire il ponte, ma chiediamo di facilitare, di sollecitare nel tempo, applicando le leggi tecniche, di puntare su quello esistente, abbattendo il vecchio ponte e costruendo due corsie nella parte superiore della porzione di ponte che è rimasta in piedi, per non fermare totalmente il traffico autoveicolare durante i lavori di ricostruzione”.

A sostenerlo sono i proprietari dei terreni della vallata del Verdura, ricca di aranceti, sopra i quali, secondo il progetto redatto dall’Anas, dovrà sorgere il nuovo ponte sul Verdura la cui costruzione è prevista ad un centinaio di metri di distanza da quello ”storico” crollato in parte il 2 febbraio 2013 e ricostruito utilizzando una “passerella provvisoria”, con l’utilizzo di tubi IRMCO. Per il nuovo ponte e per la rotatoria che si prevede di costruire, si parla da tempo di un finanziamento di circa 12 milioni di euro.

Si attende, dopo un lungo e complesso iter burocratico, che sia pubblicato il bando per l’esecuzione dei lavori, ma ancora le lungaggini burocratiche non consentono di concretizzare l’iniziativa a tal punto che giorni fa il sindaco Carmelo Pace ha sollecitato un intervento del Prefetto.

ALTRE NOTIZIE SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X