CALCIO

Akragas, oggi all’Esseneto sfida al Montalto

di
Assestamenti societari: Giovanni Amico è il nuovo direttore generale dell'Akragas, Antonello Laneri sarà il general manager

AGRIGENTO. Nuovi assestamenti societari alla vigilia della gara contro il Comprensorio Montalto, in programma questo pomeriggio alle 15 allo stadio Esseneto. Giovanni Amico è il nuovo direttore generale dell'Akragas, Antonello Laneri sarà il general manager. Ad annunciarlo, ieri mattina, durante la consueta conferenza stampa della vigilia, è stato il presidente Silvio Alessi. "Abbiamo appena concluso una riunione durante la quale abbiamo deciso di assegnare questi nuovi incarichi che serviranno a gestire in maniera più professionale il club. Amico - ha aggiunto Alessi - coordinerà la gestione tecnica, amministrativa e logistica, Laneri sarà il suo braccio destro. Lavoreranno in tandem". Entrambi erano presenti in sala stampa con Alessi e il tecnico Giancarlo Betta. "Serviva un passo in avanti dal punto di vista organizzativo - spiega Amico - e sono molto contento che la società abbia voluto dare questo nuovo incarico a me e ad Antonello Laneri col quale lavoreremo insieme anche in prospettiva futura". Intanto c'è da pensare alla sfida di questo pomeriggio contro il Montalto, formazione allenata da Marco Nappi, molto noto a livello nazionale per i suoi trascorsi da giocatore di serie A con le maglie - fra le altre - di Fiorentina, Genoa e Atalanta. Betta ha le idee chiare su quello che domenica scorsa a Leonforte non è andato e su quella che sarà la gara di oggi. "Per una ventina di minuti abbiamo lasciato qualcosa a desiderare dal punto di vista della personalità. Errori dell'arbitro decisivi? Non mi piace la cultura del lamento, - risponde Betta ai cronisti - preferisco analizzare la gara e pensare a come non ripetere alcuni errori". Fiducia confermata a Lo Monaco, protagonista di un errore decisivo. "Purtroppo - aggiunge Betta - gli errori del portiere sono sempre più decisivi degli altri. Per quanto mi riguarda è più che confermato perché ad Agropoli abbiamo vinto grazie a lui e a Leonforte abbiamo sbagliato tutti, non solo lui". Sull'atteggiamento tattico degli avversari Betta ipotizza "una gara simile a quella contro la Leonfortese che a quella contro la Nuova Gioiese. Praticano un 3-5-2 molto efficace, sono bravi a chiudere al centro. Dovremo fare una grande partita, come sempre, per portare a casa i tre punti". Rosa praticamente al completo ad eccezione di tre giovani under. Ventiquattro i convocati. Unico indizio sulla formazione riguarda Chiaria. Per il tecnico "è un giocatore in grande risalita". Frasi che lasciano presagire a un possibile utilizzo da titolare. Non mancano di certo le alternative. "L'importante - avverte il tecnico - sarà non cadere nel giochino che se gioca uno al posto di un altro si vince o si perde, le rose ampie servono a vincere i campionati. Le scelte le farò anche in base alle caratteristiche e alle esigenze della gara".
Probabile formazione (4-3-3): Lo Monaco; De Rossi, Vindigni, Chiavaro, Dentice; Risolo, Baiocco, Savanarola; N. Arena, Chiaria, Catania.

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X