SANITA'

Agrigento, ausiliari socio-sanitari: l'Asp rafforza i presidi

di
Ci sarà la stabilizzazione di 25 dipendenti contrattisti che saranno immessi in servizio non appena saranno completate tutte le necessarie procedure
ausiliari, ospedale, sanità, Agrigento, Cronaca

La direzione generale dell'Asp, grazie alla collaborazione dei sindacati, ha adottato la delibera di trasformazione di vari posti in 25 posti di ausiliari socio-sanitari.
Un'iniziativa, sottolineano dall'Asp, che consente di andare incontro alle esigenze, più volte richieste, da parte dei direttori dei presidi ospedalieri dell'Asp.
"Questo fatto - aggiungono dall'Asp - contribuirà certamente a migliorare la qualità dei servizi dei vari nosocomi".

Contestualmente, la direzione ha adottato l'atto di scorrimento della graduatoria, per potere procedere alla stabilizzazione di 25 dipendenti contrattisti che saranno immessi in servizio non appena completate tutte le necessarie procedure di rito.
"Questo provvedimento - aggiungono dalla direzione generale - oltre a migliorare la qualità dei servizi, darà maggiore serenità alle famiglie degli stessi. Il direttore generale dell'Asp, Salvatore Lucio Ficarra, ha annunciato inoltre che entro la fine del mese di settembre si attiverà la procedura per l'istituzione della Riabilitazione Pediatrica per l'ospedale di Sciacca.

Lo stesso Ficarra ha dato mandato agli uffici competenti per l'istituzione del terzo posto di Otorino presso il nosocomio saccense. Dal primo agosto al Giovanni Paolo II nell'unità operativa di Otorinolaringoiatria si effettua solo ambulatorio per la mancanza di dirigenti medici.

Nei sei mesi di attività a Sciacca sono stati effettuati oltre un centinaio di interventi, qualche centinaio di ricoveri, un migliaio di prestazioni ambulatoriali e numerose consulenze ambulatoriali. Ficarra, durante la partecipazione a una seduta straordinaria del consiglio comunale di Sciacca dedicata alla questione sanità, ha detto in proposito che "purtroppo l'Otorinolaringoiatria, e non solo quella di Sciacca, quando si potevano fare i concorsi non sono stati fatti, per cui c'è personale a tempo determinato per il quale c'è l'obbligo della legge di ridurlo. Noi lo vogliamo garantire, ma ci vuole un po' di pazienza. Approvata la pianta organica e la nuova rete ospedaliera, la funzionalità sarà garantita per tutti i reparti e non solo quello di Sciacca. Io spero che entro l'anno tante situazioni si possano sbloccare".
Ieri la direzione generale ha comunicato anche la prossima apertura del reparto di Anatomia Patologica, che servirà a far fronte a tutte le strutture sanitarie pubbliche della provincia di Agrigento e che "tale servizio contribuirà a fare migliori diagnosi in tempi più brevi, con evidente beneficio per gli utenti".
Antonello Seminerio è stato nominato direttore sanitario dei presidi ospedalieri di Canicattì e Licata.
Nello stesso atto, sono stati individuati referenti sanitari Carmela Lo Curto per Canicattì e Giuseppe Incorvaia per Licata.
Mercoledì 24 settembre Ficarra incontrerà presso questi presidi ospedalieri i nuovi dirigenti e gli operatori per una verifica sulla funzionalità dei servizi offerti alle popolazioni di riferimento.
Infine, direttore sanitario dell'Asp, Silvio Lo Bosco, su mandato del direttore generale, in merito alle vicende del pronto soccorso di Agrigento, ha tenuto una riunione con i dirigenti del presidio e il responsabile dell'ufficio tecnico per superare le criticità più impellenti.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook