Rifiuti nell'Agrigentino, a rischio il lavoro di 225 operatori della Dedalo

Agrigento, Archivio

Si fa delicata la posizione del 225 lavoratori della Dedalo Ambiente.
L’Ato Ag3 dal primo di ottobre, seguendo i dettami della Regione Siciliana, non potrà più gestire il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti a Licata, Palma di Montechiaro, Canicattì, Ravanusa, Campobello di Licata, Naro e Camastra. A gestire le attività dovrebbero essere le Srr, costituite di recente. Ma le società che prenderanno il posto delle Ato, di fatto non sono ancora nelle condizioni di subentrargli, perciò fra tre settimane il servizio rischia lo stop. Ma c’è di più: dal primo di ottobre la Dedalo Ambiente non potrà più avere le 225 persone (tra operatori ecologici ed amministrativi) come dipendenti. Perciò questi ultimi ora rischiano grosso.



ALTRE NOTIZIE NELL'EDIZIONE DI AGRIGENTO DEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X