Licata, Cartabellotta è il commissario

Agrigento, Archivio

LICATA. Il decreto non è stato ancora notificato al Comune, ma pare non ci siano dubbi sull’identità del commissario straordinario che guiderà l’ente (al posto del sindaco Angelo Balsamo che si è dimesso tre settimane fa) fino alle prossime consultazioni amministrative.
Il presidente della Regione, Rosario Crocetta, già nel tardo pomeriggio di martedì avrebbe nominato Dario Cartabellotta, 45 anni nel prossimo settembre, palermitano, fino a pochi mesi fa assessore regionale con delega all’Agricoltura.
Attualmente Cartabellotta dirige il dipartimento Pesca ed Agricoltura dell’assessorato regionale al ramo. Il dirigente regionale, che è un agronomo e parla correttamente inglese e spagnolo, potrebbe insediarsi già lunedì prossimo, immediatamente dopo ferragosto. Considerato che oggi è il 14 di agosto, infatti, pare difficile che Cartabellotta si insedi prima della fine della settimana. Da lunedì prossimo, dunque, guiderà Palazzo dell’Aquila fino al voto, perciò con molta probabilità fino al mese di maggio del prossimo anno.
Già lunedì si era appreso che l’indomani il governatore della Sicilia avrebbe nominato il commissario straordinario del Comune. E così è stato. Crocetta pare abbia firmato il decreto intorno alle 17 di martedì. Il presidente della Regione, dunque, ha scelto un suo ex assessore, oltre che uno stimato dirigente regionale, per affidargli la guida del Comune di Licata per i prossimi dieci mesi (sembra definitivamente tramontata, infatti, l’ipotesi secondo la quale le elezioni amministrative si sarebbero tenute nel prossimo mese di novembre).
Tra le esperienze professionali di Cartabellotta ci sono la guida della task force per l’emergenza siccità in zootecnia, la dirigenza del dipartimento Interventi Infrastrutturali dell’assessorato regionale all’Agricoltura, il coordinamento dell’istituto regionale della vite e del vino.
La giunta comunale, guidata dal vice sindaco Angelo Cambiano, rimarrà in carica fino a quando non si insedierà il nuovo commissario straordinario. Il passaggio delle consegne potrebbe aver luogo lunedì prossimo. Tra i primi argomenti che il dirigente regionale dovrà affrontare c’è il bilancio di previsione del 2014, ormai in dirittura d’arrivo. Rimarrà in carica fino a quando non si tornerà alle urne, invece, il consiglio comunale cittadino.
E sarà proprio il consesso cittadino, non appena il commissario straordinario lo avrà esitato, a dover approvare in via definitiva lo strumento finanziario.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook