L'esercito lascia Lampedusa, il sindaco: "Grazie per il vostro lavoro"

Agrigento, Archivio

LAMPEDUSA. Si è svolta oggi a Lampedusa la cerimonia di saluto ai militari dell'Esercito che lasciano l'isola dopo una presenza, quasi ininterrotta, risalente al 1986. I 70 soldati erano impegnati nella vigilanza - in concorso con le forze dell'ordine - del Centro di soccorso e prima accoglienza e del deposito di barconi impiegati dagli scafisti. Il sindaco di Lampedusa, Giusi Nicolini, nel salutare i militari, ha detto che «l'isola in questo momento ricomincia a respirare e ad essere meta di turismo e questo anche grazie al grande lavoro dell'Esercito che ha dato un esempio unico di come possano essere impiegate le forze armate in ambito umanitario». «Mi auguro - ha concluso Nicolini - che sia l'auspicio ad una uscita dalla crisi nel Mediterraneo ma so che in caso di necessità l'Esercito ci sarà».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X