A Naro e Racalmuto una strage di cani randagi

Sedici animali avvelenati con le polpette, alcuni anche pestati. Un altro caso nei giorni scorsi ad Agrigento
Agrigento, Archivio

AGRIGENTO. Strage di cani randagi. Dopo gli 11 animali avvelenati, nei giorni scorsi, nel quartiere di Monserrato, ad Agrigento, la storia si ripete, stavolta in provincia. Almeno una decina i randagi avvelenati e poi pestati a sangue a Naro e sei quelli barbaramente uccisi a Racalmuto. Sotto choc molti degli abitanti dei due paesi. A Naro, per buona parte della mattinata di ieri, gli operai del Comune e gli agenti della polizia municipale si sono occupati della rimozione delle carcasse. Fra via Diaz, viale Umberto I, via Verdesca, via Archeologica e via Sabella, era un inferno. Le carcasse dei cani senza padrone si trovavano in mezzo alla strada, lungo i marciapiedi. Certamente sono stati ammazzati con le «polpette killer».
ALTRE NOTIZIE SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X