Racalmuto, comunali da 3 mesi senza stipendio

Agrigento, Archivio

RACALMUTO. Da 3 mesi i circa 60 lavoratori Asu del Comune non ricevono lo stipendio. Al Municipio non arriva nemmeno la quota percentuale degli emolumenti che la Regione dovrebbe erogare per gli 80 contrattisti.
Il sindaco Emilio Messana annuncia che si "recherà a Palermo per sollecitare i pagamenti degli stipendi agli Asu e la restituzione degli anticipi fatti dal Comune per i contrattisti".
CASSE IN SOFFERENZA. "A forza di anticipare i fondi della Regione, le casse comunali sono in sofferenza - spiega Messana - . Paghiamo gli emolumenti ai contrattisti, ma non riusciamo ad onorare in tempo i nostri fornitori. Ad esempio - aggiunge - per quanto riguarda il servizio di nettezza urbana, coi pagamenti siamo fermi a febbraio scorso". I "mal di pancia" dei lavoratori Asu, che non incassano completamente lo stipendio da tre mesi, si sono trasformati in legittima protesta. Per i loro emolumenti vengono pagati per intero dalla Regione. "Chiederò maggiori garanzie nei pagamenti - aggiunge il sindaco - . Così come chiederò la restituzione degli anticipi fatti ai contrattisti. Di norma, il Comune riceveva dei fondi da parte della Regione, proprio per i contrattisti, fra marzo ed aprile. Siamo arrivati a fine giugno e non abbiamo visto neanche un euro".
TAGLIO INDENNITÀ. "Uno dei primissimi punti che il consiglio comunale deve affrontare, nel rispetto del programma elettorale, è l'azzeramento totale dell'indennità di presenza del presidente, dei consiglieri e della Giunta. Un atto di assoluta responsabilità nei confronti dei racalmutesi che hanno bisogno di tornare a credere alle istituzioni. Le tasse locali hanno un peso incontrollabile e ad ottobre è prevista la scadenza dei contratti di lavoro per i precari. Le risorse risparmiate, tagliando i costi della politica, potrebbero essere utilizzati per fronteggiare queste emergenze". Lo dice il consigliere comunale Sergio Pagliaro eletto nella lista Emilio Messana. Pagliaro, così come la consigliera Carmelisa Gagliardo, confermano - contrariamente alle notizie di piazza circolate - il sostegno al sindaco e alla Giunta, rimanendo nella maggioranza. Nessuna crisi, dunque. "Una amministrazione attiva ed attenta - spiega Sergio Pagliaro - deve rispettare gli impegni presi durante la campagna elettorale".
CONTRIBUTO IDRICO. "La soglia Isee è di 7.500 euro - spiega il sindaco Messana. Alle famiglie fino a due componenti sarà concesso un contributo di 72 euro sul costo annuo, direttamente in bolletta; quelle fino a 4 componenti un contributo di 92 euro e quelle con oltre 4 componenti, un contributo di 156 euro". Il sindaco, inoltre, nelle ultime ore, ha incontrato i genitori degli studenti che protestano in merito al rimborso dell'abbonamento per il trasporto dei pendolari. Rimborso inferiore rispetto alle spese sostenute. Ed ha ricevuto i tecnici dell'ex Provincia facendo un sopralluogo congiunto per individuare i locali dove trasferire l'Ipia. Ha partecipato anche don Diego Martorana per valutare se il trasferimento possa interessare locali della Chiesa".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook