«Periferia nel degrado a Licata», esposto in Procura

LICATA. I residenti del quartiere Comuni – Camera, nella periferia cittadina, hanno indirizzato un esposto ai magistrati della procura della Repubblica di Agrigento per “denunciare le condizioni di invivibilità della zona”. Già nei giorni scorsi la gente che abita in questa popolosa area della città aveva annunciato l’intenzione di inviare un esposto alla magistratura. Ora lo ha fatto. I residenti hanno scritto anche al prefetto di Agrigento, Nicola Diomede, per chiedere aiuto.
“Da mesi – dice una casalinga di 42 anni – chiediamo interventi di pulizia, diserbo e disinfestazione che, però, non sono stati ancora eseguiti. Adesso temiamo che sia troppo tardi. Infatti è già arrivato il caldo e la nostra zona è letteralmente infestata da topi, zecche e zanzare. Cosa aspetta il Comune per riportare ordine?”.
“Noi – le fa eco un pensionato di 65 anni – paghiamo le tasse come tutti gli altri cittadini, eppure riteniamo di non godere degli stessi servizi. Non so più da quanto tempo lamentiamo il fatto che nel nostro quartiere ci sono numerosi lotti interclusi che i proprietari non ripuliscono. Quei terreni incolti sono così diventati la “culla” di pulci, zanzare, e fastidiosissimi moscerini. Il nostro vuole essere anche un appello a chi è deputato ad eseguire i controlli per impedire che tutto questo accada”.
La gente del posto lamenta il fatto, inoltre, che ai bordi della strada che conduce in campagna, e passa vicino alle case, non sono poche le discariche abusive realizzate da chi abbandona di tutto.
“A nostro avviso è indispensabile – aggiunge un impiegato di 48 anni – che siano potenziati i controlli su quanti scelgono le strade vicine alle campagne per abbandonare ciò che rimane della costruzione di case, ma anche lastre e vasche di amianto che sono dannosissime per la salute. Noi temiamo seriamente per l’incolumità nostra e dei nostri figli”.
Quello delle discariche abusive è un problema comune a tante zone della periferia cittadina. Ma se ne contano diverse anche nell’area extraurbana. All’inizio della strada comunale Montagna, non distante dall’ospedale San Giacomo d’Altopasso, ci sono enormi cumuli di rifiuti speciali abbandonati in uno spiazzo. A più riprese gli enti competenti sono intervenuti per rimuoverli, ma sono state ricostituite. Appena più su, all’inizio della strada Monserrato, c’è un’altra discarica abusiva (ormai quasi completamente ricoperta dagli sterpi) in cui è presente amianto che nessuno provvede a rimuovere.
Nei giorni scorsi è stato l’assessore ai Lavori Pubblici, Chiara Cosentino, ad assicurare che una squadra di operai comunali era al lavoro proprio nelle periferie per eseguire lo sfalcio e la derattizzazione. Il Comune ha anche firmato un’ordinanza per la pulizia dei lotti interclusi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X