Rifiuti ad Agrigento, i netturbini sono tornati al lavoro

Il dirigente del servizio Gaetano di Giovanni ha già ritirato il bando semestrale che si sarebbe dovuto espletare il prossimo 4 giugno e che prevedeva la perdita di almeno 32 unità lavorative
Agrigento, Archivio

AGRIGENTO. Il pressing di lavoratori e sindacati ha dato i frutti sperati e all’annuncio del sindaco Zambuto di firmare la proroga alle ditte subito dopo che il dirigente del servizio Gaetano di Giovanni avrebbe ritirato il bando, sono seguiti i fatti. Ieri infatti, entrambe le cose si sono concretizzate e il primo cittadino ha firmato un’ordinanza di proroga che porta in calce, il parere di regolarità tecnica dello stesso Di Giovanni e il parere di regolarità contabile del dirigente del Quinto settore Giovanni Mantione. Zambuto ha poi ufficializzato gli atti anche ai sindacati che hanno informato i propri iscritti con la conseguente ripresa del servizio di raccolta, spazzamento e smaltimento dei rifiuti e la revoca degli scioperi di settimana prossima. La proroga, come detto, è quadrimestrale e scadrà il 30 settembre prossimo avendo decorrenza primo giugno. Il servizio di raccolta, trasporto, spazzamento, compreso il potenziamento estivo, viene confermato alle imprese Iseda, Sap e Seap continueranno il servizio alle stesse modalità, patti e condizioni del servizio fino ad oggi espletato in base al contratto di appalto del 24 dicembre del 2007 e delle successive integrazioni.


UN SERVIZIO NELL'EDIZIONE DI AGRIGENTO DEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X