Omicidio piccolo Di Matteo, condannato all'ergastolo il "carceriere"

Agrigento, Palermo, Archivio

PALERMO. La Corte d'assise d'appello di Palermo ha condannato all'ergastolo Angelo Longo, ritenuto capo della famiglia mafiosa di Cammarata (Agrigento), accusato di essere stato uno dei carcerieri di Giuseppe Di Matteo, figlio del collaboratore di giustizia Santino, rapito, strozzato e sciolto nell'acido dopo oltre 300 giorni di prigionia. In primo grado Longo, che nascose Giuseppe in una masseria per un periodo, era stato condannato per mafia a 10 anni e assolto dall'accusa di sequestro aggravato dalla morte della vittima.
La Corte d'assise d'appello di Palermo ha condannato all'ergastolo Angelo Longo, ritenuto capo della famiglia mafiosa di Cammarata (Agrigento), accusato di essere stato uno dei carcerieri di Giuseppe Di Matteo, figlio del collaboratore di giustizia Santino,rapito,strozzato e sciolto nell'acido dopo oltre 300 giorni di prigionia.In primo grado Longo,che nascose Giuseppe in una masseria per un periodo, era stato condannato per mafia a 10 anni e assolto dall'accusa di sequestro aggravato dalla morte della vittima.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X