Guerra del pane a Porto Empedocle: un arresto

Agrigento, Archivio

PORTO EMPEDOCLE. Finisce nel sangue una violenta lite scoppiata per motivi di accesa rivalità commerciale e concorrenza sul costo del pane tra due panettieri empedoclini. Uno dei due è finito in gravi condizioni all'ospedale, l'altro nel carcere agrigentino di contrada Petrusa. Pasquale Nicoletti, panettiere empedoclino di 43 anni, è stato arrestato in flagranza di reato dai poliziotti del commissariato «Frontiera» di Porto Empedocle, guidati dal vice questore aggiunto Cesare castelli, con l'accusa di tentato omicidio aggravato e porto di oggetti atti ad offendere.
Secondo la ricostruzione degli investigatori, Nicoletti avrebbe tentato di uccidere - colpendolo ripetutamente e con violenza a colpi di cacciavite al torace, alle braccia e al volto - il concorrente «accusato» dal suo presunto aggressore di vendere il pane a prezzi molto bassi.
UN SERVIZIO NELL'EDIZIONE DI AGRIGENTO DEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook