Scuole, investimenti per sei milioni di euro a Licata

Il piano triennale delle opere pubbliche è stato appena riformulato dalla giunta e prevede la realizzazione di interventi straordinari in cinque plessi. Le somme necessarie per i lavori di ristrutturazione degli edifici sono state chieste al competente assessorato regionale
Agrigento, Archivio

LICATA. Investimenti per sei milioni (se arriveranno i finanziamenti richiesti alla Regione) sono stati previsti dal Comune per le scuole. L’esecutivo in carica ha appena rimodulato il Piano triennale delle opere pubbliche prevedendo opere di manutenzione straordinaria in varie scuole, il rifacimento di un plesso chiuso da tempo e persino la costruzione di un nuovo edificio scolastico. Le previsioni sono contenute nell’”aggiornamento del Piano triennale delle opere pubbliche” che è stato appena pubblicato sull’albo pretorio on line del sito istituzionale dell’ente.
Palazzo dell’Aquila non ha tutti i soldi necessari per eseguire gli interventi messi in calendario, per questo ha deciso di chiederli all’esecutivo regionale. Viene sfruttato un recente bando della Regione che, grazie ai fondi del Cipe, ha disposizione poco meno di 35 milioni di euro per finanziare gli interventi nelle scuole dell’isola. E’ proprio a questi fondi che il Comune spera di attingere.
Ecco, nel dettaglio, i progetti inseriti nel nuovo Piano triennale delle opere pubbliche. Sono cinque gli interventi messi in agenda: la manutenzione straordinaria della scuola “Don Milani” di via Campobello, la manutenzione straordinaria della materna Olimpia di corso Argentina, la ristrutturazione del plesso Donna Elvira. In questo caso si tratta di un edificio del Villaggio dei Fiori che ormai da alcuni lustri non viene più utilizzato. E’ un intervento strutturale, considerato che negli scorsi anni nel plesso sono stati riscontrati dei cedimenti. La manutenzione straordinaria della scuola “Leopardi”, sita in via architetto Licata, che ospita elementare e materna. Ed infine la costruzione di una nuova scuola materna.
L’impegno economico maggiore è proprio per questo ultimo progetto, già redatto e presentato alla Regione. Per costruire il nuovo plesso scolastico, infatti, servono 3.450.000 euro, ed in questo caso il Comune non prevede una compartecipazione. La scuola, dunque, sarà costruita soltanto se la Regione concederà l’intero ammontare della spesa prevista.
Per la manutenzione straordinaria della scuola “Giacomo Leopardi” il Comune ha approntato un progetto che prevede un impegno pari ad un milione di euro. L’ente annuncia una compartecipazione del 10 per cento, perciò spenderà 90.909,09 euro. La manutenzione straordinaria della materna Olimpia costerà 452.170.000 euro ed in questo caso il Comune ha previsto di partecipare con il 20 per cento dei fondi necessari. L’impegno è pari a 75.361,68 euro. Il progetto, presentato alla Regione, per la manutenzione straordinaria del plesso “Don Milani” è pari a 1.100.052,83 euro. Anche in questo caso Palazzo dell’Aquila parteciperà con il 20 per cento della spesa, pari a 183.343.000 euro.
Fin qui le previsioni dell’esecutivo in carica. Ora, ovviamente, inizia il cammino più difficile, quello di farsi finanziare i progetti redatti dall’Ufficio Tecnico del Comune. Le istanze sono state già inoltrate dal vice sindaco Angelo Cambiano. E’ lui il rappresentante legale dell’ente e la giunta, così come previsto dal bando in questione, lo ha autorizzato a presentare le richieste di finanziamento. Pare verosimile che funzionari e tecnici dell’ente dovranno recarsi a Palermo, presso gli assessorati competenti, a più riprese, per andare ad illustrare le iniziative per le quali sono stati chiesti i finanziamenti.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook