"Falsa testimonianza", il sindaco di Licata Balsamo torna in libertà: imposto divieto di dimora

LICATA. Angelo Balsamo, sindaco di Licata (Ag) sospeso dal prefetto di Agrigento Nicola Diomede, è stato rimesso in libertà. A suo carico è stato posto il divieto di dimora a Licata. Lo ha deciso il tribunale del Riesame di Palermo. Balsamo era agli arresti domiciliari dallo scorso 13 gennaio con l'accusa di falsa testimonianza e truffa in un'indagine per il risarcimento dei danni dopo un incidente stradale. Anche all'ex sindaco Angelo Graci, il predecessore di Balsamo, era stato notificato, nel 2009, il divieto di dimora a Licata dopo essere stato arrestato, assieme ad altre tre persone, per l'ipotesi di reato di corruzione. Sarà la Prefettura di Agrigento ad esaminare ora il caso di Balsamo e stabilire se potrà tornare o meno a guidare il Comune da lontano. Graci, amministrò per quasi un anno - tanto quanto durò il divieto di dimora a suo carico - da Agrigento dove si era trasferito.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X