Agrigento, emergenza al viale Vittoria Il prefetto: «Domani faremo le prime scelte»

Agrigento, Archivio

Lunedì, a mezzogiorno, la quarta riunione dell'Unità di crisi. A presiederla sarà il prefetto di Agrigento, Nicola Diomede. L'incontro servirà per un aggiornamento dal punto di vista tecnico. Durante tutto il fine settimana, infatti, il consulente esterno, lo strutturista saccense Pippo Oliveri, effettuerà approfondimenti e valutazioni che lunedì consegnerà al vertice in Prefettura. In città, soprattutto al viale Della Vittoria, però, intanto, dilaga il panico. C'è il timore che i dissesti possano riguardare l'intera collina. «No ai facili allarmismi - dice il prefetto Diomede - . Con molto buon senso e buona logica, verranno effettuati i monitoraggi allargandoli dal punto specifico in cui si è verificato il cedimento». Ieri mattina, l'assessore regionale al Territorio ed Ambiente, Mariella Lo Bello, accompagnata, fra gli altri, proprio dal prefetto, ha effettuato un sopralluogo al Viale.

Eccellenza, quali le prossime tappe dopo il crollo di mercoledì mattina?

«Stamani (ieri ndr.) siamo stati sul posto con l'assessore Lo Bello. Lunedì, sempre con l'assessore regionale, faremo un incontro per aggiornarci dal punto di vista tecnico. Il consulente Oliveri, nominato dal dipartimento della protezione civile regionale, durante il fine settimana farà i suoi approfondimenti ed analisi. Lunedì, ci farà avere le valutazioni».



Cosa occorre fare? «Bisognerà installare dei clinometri sul palazzo sventrato, che sono dei misuratori delle inclinazioni. Verranno fatti monitoraggi sia sul palazzo che sul pendio. Coordina tutto la Protezione civile regionale. Monitoraggi e studi sono stati già stabiliti, adesso bisogna porli concretamente in essere. Il tempo necessario per acquisire gli strumenti e posizionarli, insomma. Il monitoraggio partirà dal punto del crollo e si allargherà».

Eccellenza, soprattutto al viale della Vittoria c'è preoccupazione. Ci sono elementi concreti per essere in allarme per tutta la collina?
«Allarmismo? Non mi pare il caso. È doveroso guardare al punto specifico del crollo, ma anche a destra e a sinistra. Con molto buon senso e buona logica. Sarà cautelativamente necessario fare un monitoraggio completo. No, dunque, al facile allarmismo. Ne farei piuttosto una questione di buon senso. Lo strutturista Oliveri non ha guardato, infatti, solo al punto specifico, ma ha allargato la sua visuale e i monitoraggi verranno allargati. Nella riunione di venerdì sera, l'ingegnere Maurizio Costa ha collocato quanto accaduto sotto la tipologia "A" degli eventi di protezione civile. Una tipologia dunque che riguarda solo un punto specifico, una porzione di un territorio comunale che non ha effetti a livello interterritoriale».

C’è già l'intervento finanziario della Regione...
«La Regione ha ritenuto di intervenire coi suoi fondi, perché quell'evento crea un potenziale pericolo per la strada, per il Viale. Qualunque altro tipo di valutazione, sotto il profilo economico, potrà avvenire una volta che si saprà di più rispetto a quello che è necessario fare. Una volta dunque che avremo le risultanze di sondaggi, carotaggi, monitoraggi».

Eccellenza, massima attenzione anche da parte del governo?
«Il prefetto Gabrielli ha chiamato in Prefettura. Sono in costante dialogo con il ministro Angelino Alfano e dunque con il Governo».

Si farà in fretta?
"Prima bisogna aspettare le risultanze tecniche, il da farsi presuppone i risultati di queste verifiche, ma si lavora velocemente per venire incontro alle esigenze a chi abitava nel palazzo, di chi vi aveva attività lavorative, di chi, abitualmente, popola il viale della Vittoria". 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X