Sciacca, scatta il piano illuminazione pubblica «Ecco i lavori nelle zone rimaste al buio»

Agrigento, Archivio

SCIACCA. Il Comune ha pagato i canoni mensili di ottobre, novembre e dicembre 2013 alla ditta Gemmo che si occupa della manutenzione ordinaria e della gestione degli impianti comunali di illuminazione pubblica. Complessivamente, con la determinazione a firma del dirigente del settore Lavori pubblici, Giovanni Bono, pubblicata all'albo pretorio, è stata liquidata la somma di 243.887 euro. Sono in pieno svolgimento, in questi giorni, i lavori di collocazione dell'illuminazione artistica nella via Agatocle e del piano di manutenzione straordinaria degli impianti di pubblica illuminazione in tutto il territorio comunale. L'intervento, che avrà un costo complessivo di 450 mila euro, prevede la sostituzione dei pali vetusti e pericolosi, la messa in sicurezza delle linee elettriche, l'illuminazione di zone della città che attualmente sono al buio. Uno dei primi interventi sarà effettuato in contrada Seniazza, nella zona dell'ospedale Giovanni Paolo II. Dopo la rimozione, effettuata negli anni scorsi, di 364 pali della pubblica illuminazione che non davano più le necessarie garanzie di sicurezza, ne sono stati ricollocati 88. Il piano scattato adesso prevede la collocazione di quelli mancanti e la sostituzione di ulteriori 140. La manutenzione straordinaria della rete di pubblica illuminazione cittadina viene eseguita dalla società Gemmo, nell'ambito della convenzione Consip "Servizio Luce 2" a cui ha aderito il Comune. Con la società Gemmo a giugno dello scorso anno il Comune ha sottoscritto un contratto per la manutenzione ordinaria, l'esercizio e la gestione degli impianti comunali di illuminazione pubblica, compresa la fornitura di energia, per 9 anni. Per l'avvio dei lavori si è subito messo all'opera l'assessore ai Servizi a rete, Gaetano Cognata, sempre a stretto contatto con il responsabile del servizio, Eugenio Messina. "La nuova convenzione - spiega l'assessore Cognata - ci consente risparmi considerevoli e una gestione innovativa del servizio. Il costo complessivo della manutenzione straordinaria sarà coperto con gli incassi degli oneri di urbanizzazione e sarà corrisposto alla società con rate trimestrali, senza interessi, di circa 13 mila euro ciascuna. Il piano degli interventi messo a punto è flessibile. Prevede lavori in diverse zone della città, in strade, vicoli e piazze del centro e della periferia. In via Agatocle, intanto, sono stati quasi del tutto completati i lavori di collocazione della nuova illuminazione artistica. Rimangono gli ultimi interventi che non sono stati ancora effettuati per il maltempo dei giorni scorsi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook