Rifiuti, il Consiglio di Sciacca conferma la Tarsu: costo di 1 milione e 600 mila euro in più

La ratifica è avvenuta durante l’ultima seduta. L’opposizione aveva votato contro l’approvazione delle tariffe

SCIACCA. Arriva la stangata Tarsu. Per la copertura del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti l'intero importo, di 5 milioni e mezzo di euro, dovrà essere coperto dai cittadini. L'aumento è per complessivi un milione e 600 mila euro. E' stato deliberato dal consiglio comunale con il voto favorevole della maggioranza e contrario dell'opposizione. "Non si poteva fare altrimenti - ha detto in aula il vice sindaco e presidente della commissione consiliare Bilancio, Enzo Porrello - e se avessimo optato per la Tarsu gli aumenti sarebbero stati maggiori soprattutto per determinate categorie". Il dibattito consiliare ha riguardato, in particolare, l'aumento del costo del servizio, "che in pochi anni - ha detto l'ex sindaco Mario Turturici - è passato da 2 milioni e mezzo a 5 milioni e mezzo di euro". Il consiglio ha approvato anche il bilancio di previsione 2013. Nella manovra di bilancio sono compresi 750 mila euro finalizzati alla realizzazione dei lavori di sistemazione e messa in sicurezza delle vie dei Sicani, Porta di Mare e Amendola, interessate da smottamenti del terreno. Il Comune interverrà attraverso mutui con la Cassa depositi e prestiti. Altro mutuo, da 350 mila euro, per la sistemazione delle strade urbane e da 200 mila per quelle rurali. Con gli oneri di urbanizzazione si punterà alla realizzazione di 200 loculi cimiteriali per una spesa complessiva di 250 mila euro. Su sollecitazione dei consiglieri della maggioranza Mario Turturici, Giuseppe Ambrogio, Gioacchino Settecasi, Luciano Augello e Ignazio Catanzaro il sindaco ha dato la disponibilità a rivedere, dal 2014, anche le indennità dei dirigenti. Durante il dibattito è emerso che il Comune per tagliare le spese ha dato una sforbiciata alle utenze, in particolare quelle telefoniche, e rottamato due auto, risparmiando bollo e assicurazione. "E siamo riusciti a mantenere e in qualche caso a potenziare - ha detto Porrello - servizi importanti come quelli per i diversamente abili". Qualche migliaio di euro è andato alle Consulte Giovanile (2.500) e dello Sport (1000). Il sindaco, Fabrizio Di Paola, nel suo intervento ha parlato anche delle azioni giudiziarie nei confronti dell'Eas per recuperare un credito milionario e sul carnevale ha dichiarato che "le cifre che circolano di 250 o 250 mila euro a carico del Comune sono errate. Si realizzeranno risparmi rispetto alle ultime edizioni che si sono svolte perché non viene seguito quel modello organizzativo".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X