A Lampedusa sbarchi senza sosta

Agrigento, Cronaca

LAMPEDUSA. Oltre ai soccorsi ai migranti che erano sul barcone naufragato tra Malta e Lampedusa (il bilancio aggiornato dell'ennesima tragedia parla di 206 sopravvissuti e 34 cadaveri già recuperati) i mezzi navali italiani hanno salvato nella notte oltre 400 persone, che si trovavano a bordo di quattro distinte imbarcazioni. In particolare, le motovedette della Guardia Costiera hanno soccorso un gommone con a bordo 72 migranti, tra cui 5 donne, e un barcone con 183 persone provenienti da Tunisia, Siria e Nigeria, tra cui 34 donne e 49 bambini. I 265 migranti sono stati portati a Lampedusa. Le navi della Marina Militare - il pattugliatore Libra e la fregata Espero - hanno invece soccorso due gommoni a circa 70 miglia a sud di Lampedusa, uno con 87 persone a bordo, di cui 8 donne, e un altro con 93 persone. Uomini, donne e bambini che erano sui due gommoni, assieme ai 56 sopravvissuti al naufragio per un totale di 236 persone, sono a bordo di nave Libra che sta facendo rotta verso Porto Empedocle, dove arriverà domani mattina. Nave Espero prosegue invece l'attività di pattugliamento nel canale di Sicilia.


SALVATI IN 14 NELLA NOTTE, DONNA INCINTA VIA IN ELICOTTERO. Nuovo intervento di soccorso a migranti, in nottata, nel canale di Sicilia: la nave Espero della Marina militare ha preso a bordo 14 persone che si trovavano su una piccola imbarcazione. Una donna, al nono mese di gravidanza e con delle contrazioni all'addome, è stata trasferita d'urgenza a Lampedusa con l'elicottero imbarcato sulla nave. Dopo la localizzazione del gommone, un natante di circa 10 metri, il Comandante di Nave Espero viste le condizioni in cui versava l'imbarcazione ha dichiarato la situazione di emergenza e preso a bordo i 14 migranti.
Tra di loro tre donne di cui una al nono mese di gravidanza ricoverata presso l'infermeria di bordo, eseguiti i primi controlli e verificato lo stato di salute della donna in gravidanza, il medico di bordo ha disposto il trasferimento con l'elicottero presso il presidio ospedaliero di Lampedusa.
RECUPERATO CORPO BIMBO 3 ANNI. La Marina maltese ha comunicato che ha recuperato il cadavere di un bambino di 3 anni, disperso in mare nel nuovo naufragio di venerdì al largo di Lampedusa. Il cadavere è stato trovato a circa 55 miglia sud est di Lampedusa.


ALTRI DUE BARCONI TRA MALTA E SICILIA.
Due nuovi barconi, con a bordo centinaia di migranti, sono stati soccorsi nel Mediterraneo, tra Malta e la Sicilia. Il primo si trova a 60 miglia a sud di Lampedusa, in un'area di soccorso di competenza maltese: è stato già agganciato da un pattugliatore della Marina maltese e da un mercantile. L'altro barcone è stato individuato nella stessa area dove si è verificato il naufragio di venerdì scorso, a 60 miglia ad sudest di Lampedusa. L'allarme è stato lanciato con un telefono satellitare da bordo dell'imbarcazione dove ci dovrebbero essere 400 persone.


SALVATI 386 MIGRANTI.
Si sono conclusi gli interventi di Gdf, capitaneria di porto e Marina Militare sui due natanti avvistati oggi. Un'imbarcazione con 160 migranti, tra cui 31 donne e 9 bambini, era stato localizzato a circa 40 miglia a sud di Lampedusa, ed è stato raggiunto da una motovedetta della Capitaneria di Porto, la CP 401, mentre il Comando Generale delle Capitanerie di Porto ha chiesto al rimorchiatore ASSO 30 di avvicinarsi per portare soccorso.

''Appena verificate le critiche condizioni di galleggiabilità in cui versava l'imbarcazione - dice la Marina Militare - il comando delle Capitanerie di Porto ha dichiarato la situazione di emergenza e ha nominato la nave Espero coordinatrice delle operazioni di soccorso. I migranti sono stati trasferiti su rimorchiatore con l'ausilio delle imbarcazioni minori di Espero che ha inoltre inviato il medico di bordo sul rimorchiatore per uno screening di tutti i naufraghi. Solo una donna è risultata in condizioni critiche ed è stata portata con l'elicottero a Lampedusa. Un secondo volo, accompagnerà i familiari della donna, il marito e la figlia''.

Il rimorchiatore Asso 30 andrà a Pozzallo per sbarcare i migranti.  L'altro soccorso si è concluso al largo delle coste siciliane, 140 miglia a sud-est di Capo Passero, dove le motovedette della Guardia di Finanza hanno portato in salvo 226 migranti di cui 79 donne e 45 bambini. In serata arriveranno nel porto di Reggio Calabria. Le unità della marina militare impegnate per l'esigenza sbarchi sono: Espero (Fregata), Driade (Corvetta), Cassiopea (Pattugliatore), Libra (Pattugliatore), Vega (Pattugliatore) e Tremiti (Traporto Costiero).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook