Mafia, sequestro di beni da 3 milioni a imprenditore vicino al Boss Falsone

Agrigento, Archivio

AGRIGENTO. Beni per un valore di oltre tre milioni di euro sono stati sequestrati dalla Direzione Investigativa Antimafia di Agrigento a Gioacchino Francesco Cottitto, 46 anni imprenditore nel settore agroalimentare, di Palma di Montechiaro (Ag). Cottitto fu arrestato nell'operazione «Apocalisse», nel 2010, insieme a Giuseppe Falsone, 43 anni considerato il capo di «Cosa nostra» agrigentina, a Giuseppe Gambino di Ravanusa (Ag) e all'imprenditore Diego Lo Giudice. Cottitto, pur non essendo organico a «Cosa nostra» è stato accusato da collaboratori di giustizia di essere molto vicino a Falsone. Il provvedimento di sequestro comprende 28 immobili tra terreni e fabbricati; due ditte individuali, tre società e numerosi conti correnti e rapporti bancari.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook