Aeroviaggi, nessuna crisi del turismo Già confermate le presenze del 2012

Agrigento, Archivio

SCIACCA. Aeroviaggi si appresta a chiudere il 2013 con le stesse presenze, 270 mila, dell’anno precedente. «Un successo, siamo andati oltre ogni più rosea previsione - dice il direttore, Calogero Napoli - se consideriamo la crisi del turismo, a livello internazionale». Ancora oggi, a fine settembre, i quattro alberghi del complesso di contrada Sovareto fanno registrare il tutto esaurito. Gli ospiti sono 1510.


«E sarà così per tutto il mese - aggiunge Napoli - mentre ad ottobre abbiamo già programmato la chiusura». Il primo dei quattro alberghi a chiudere sarà l’Alicudi, il 4 ottobre. Il 18 toccherà al Lipari e al Torre del Barone. Il 25 sarà la volta del Cala Regina. «Ad oggi - dice Napoli - siamo a 252 mila presenze, ma raggiungeremo nelle settimane che ci restano la quota del 2012 e certamente ci metteremo in parità con la riapertura di dicembre per il Capodanno». Il Servizio turistico regionale sta completando, in questi giorni, la statistica aggiornata al 31 agosto scorso. Fino a luglio si è registrato un calo di qualche migliaio di presenze rispetto al 2012. Nel mese di agosto, invece, la diminuzione è stata più marcata.


Gli ultimi conteggi devono ancora essere effettuati, ma solo nel mese di agosto ci sono state almeno 10 mila presenze in meno rispetto all’anno precedente. Sulla base di questi dati il bilancio complessivo, a fine anno, potrebbe fare registrare un lieve calo. Dipenderà anche dalle presenze durante il fine anno.


«Dobbiamo ritenerci soddisfatti - dice il direttore del Servizio turistico regionale, Nuccio Catagnano - perchè il momento è difficile e la città riesce sempre a catalizzare attenzione in chiave turistica. Dobbiamo considerare che rispetto al passato si è pure elevato il livello dei turisti che frequentano Sciacca e che tanti apprezzano il nostro mare, l’offerta complessiva che riusciamo a dare. Pochi giorni fa - aggiunge Catagnano - ho incontrato in spiaggia un industriale del nord che ha girato il mondo e che è rimasto incantato dalle bellezze della nostra città, ma anche dall’accoglienza, dal calore umano che ha riscontrato. C’è sempre da migliore - aggiunge Catagnano - ma dobbiamo imparere ad apprezzare maggiormente anche quello che già riusciamo ad offrire. E non è certamente poco». Proprio nei giorni scorsi i ceramisti hanno completato, anche quest’anno, una presenza con laboratorio ed esposizione presso il Verdura Golf Resort.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook