Crescono i furti nell'Agrigentino: abitazioni svaligiate

È probabile che vi sia una banda di ladri che prende di mira, e studia per giorni, le anziane che vivono da sole
Agrigento, Archivio

AGRIGENTO. Tredicimila euro ad Agrigento e ben cinquantamila euro a Porto Empedocle. Sono i bottini arraffati da malviventi in altrettanti furti in abitazione, ai danni di due pensionate di 76 anni. Furti anomali visto che, in entrambi, i carabinieri - che si stanno occupando delle indagini - non hanno riscontrato segni di effrazione. Furti che si aggiungono all'altro, denunciato lo scorso 12 giugno ad Agrigento, ai danni di una pensionata nubile di 73 anni, alla quale furono portati via ben 30 mila euro.
I colpi più recenti sono avvenuti in via Manzoni, ad Agrigento, ed in via Lincoln a Porto Empedocle. Nella città dei Templi, il furto sarebbe stato messo a segno fra la tarda serata di venerdì e la notte di sabato. La denuncia è stata formalizzata nella tarda mattinata di sabato. Ad essere preso di mira è stato l'appartamento di via Manzoni di una pensionata di 76 anni. I malviventi non hanno forzato né porta, né finestra. Ma misteriosamente si sono intrufolati all'interno dell'abitazione dove, in quel momento, non c'era nessuno. Stando alle ricostruzioni dei carabinieri, i ladri si sono diretti verso la cassaforte. Chiaramente erano a conoscenza della sua esistenza e del luogo dove si trovasse. Sempre senza alcuna effrazione, ma probabilmente avendo trovato le chiavi, hanno aperto la cassaforte ed hanno portato via 5 mila euro in contanti ed 8 mila euro di oggetti in oro.
Stesse modalità anche nel colpo grosso messo a segno in un appartamento, al quinto piano, di via Lincoln a Porto Empedocle. Un furto che, in questo caso, potrebbe essere stato realizzato fra l'inizio di giugno e lo scorso giovedì. Durante questo periodo, la vedova di 76 anni era, infatti, fuori casa. I ladri, anche in questo caso probabilmente ben informati, dopo essere entrati nell'appartamento si sarebbero diretti verso l'armadio metallico dove l'anziana custodiva oggetti in oro e preziosi per 50 mila euro. Hanno aperto, hanno arraffato tutto e sono andati via, senza - pare - lasciarsi alcuna traccia dietro. Fatta la terribile scoperta, anche in questo caso, l'anziana ha chiamato i carabinieri della stazione di Porto Empedocle che, coordinati dal maresciallo Roberto Narbona, hanno effettuato un sopralluogo nell'appartamento ed avviato le indagini. Non è escluso - ma al momento non è nemmeno certo - che fra i due colpi possa esservi un collegamento. E' probabile che in giro, per l'Agrigentino, vi sia una banda di ladri che prende di mira, e studia per giorni, le anziane che vivono da sole, approfittandone al momento giusto. Così era anche accaduto nell'abitazione di via Porta Madonna degli Angeli ad Agrigento, ai danni della pensionata nubile di 73 anni.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook