Immigrazione, sbarco nell'Agrigentino: un morto

AGRIGENTO. Il cadavere di un immigrato, dall'apparente età di 20-25 anni, è stato avvistato a largo della spiaggia fra Siculiana Marina e Torre Salsa, dove stanotte è approdato un barcone. A bordo - stando ai racconti dei 70 migranti bloccati fino ad ora da carabinieri e polizia Stradale - vi erano circa 200 persone, ma molti di loro sarebbero fuggiti subito dopo avere raggiunto la terraferma. Le motovedette della capitaneria di porto di Porto Empedocle sono in mare per tentare di recuperare il corpo.

Nell'ambito di questo sbarco, circa 70 migranti sono stati bloccati dai carabinieri fra la spiaggia di Siculiana Marina e Torre Salsa a Montallegro. Si trovavano a poca distanza dal barcone che li aveva fatti sbarcare durante la notte.

NESSUNA TRACCIA DI ALTRI CADAVERI. Secondo i soccorritori che stanno conducendo le ricerche, non vi sarebbero altri cadaveri in mare oltre a quello del giovane subsahariano trovato stamattina in prossimità di un'imbarcazione incagliata in mezzo agli scogli, ad una decina di metri dalla battigia fra Siculiana Marina e Torre Salsa a Montallegro (Ag). La salma, portata sulla banchina di Porto Empedocle, è stata già esaminata dal medico legale che ricondurrebbe le cause della morte all'annegamento. Il cadavere non presenterebbe traumi alla testa, nè in altri parti del corpo. Sono state riscontrate, dal medico legale, soltanto delle escoriazioni sul viso, dovute probabilmente al contatto con gli scogli. L'ipotesi investigativa è che il migrante, subito dopo che il barcone è finito sugli scogli, si sia tuffato e non sapendo nuotare sarebbe annegato. Per la Guardia Costiera non vi sarebbero al momento altre vittime. «I nostri mezzi - ha spiegato il comandante della Capitaneria di porto di Porto Empedocle, Rinaldo Di Martino - stanno controllando tutta la fascia costiera; non ci sono assolutamente tracce di altri annegati».  Intanto il numero dei migranti bloccati dalle forze dell'ordine fra la spiaggia e la statale 115 è salito a 84.

LA PROCURA APRE UN'INCHIESTA. Un'inchiesta sullo sbarco di questa mattina e sul decesso di un giovane migrante, è stata aperta dalla Procura di Agrigento. Le indagini sono condotte dal sostituto procuratore Luca Sciarretta che ha incaricato il medico legale Gianfranco Pullara di procedere, nei prossimi giorni, all'autopsia sul cadavere recuperato nelle acque antistanti la spiaggia di Siculiana Marina e Torre Salsa a Montallegro (Agrigento).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X