"Violazione dei sigilli", condannato ex sindaco di Lampedusa

Sei mesi di reclusione e 300 euro di multa. È la sentenza nei confronti di Bernardino De Rubeis. Era sotto processo per presunti abusi legati alla realizzazione di un parcheggio nei pressi della spiaggia dell'isola dei conigli
Agrigento, Archivio

LAMPEDUSA. Sei mesi di reclusione e 300 euro di multa. È la sentenza del giudice monocratico di Agrigento, Francesco Paolo Pizzo, nei confronti dell'ex sindaco di Lampedusa, Bernardino De Rubeis; del geometra dell'Utc, Giovanni Giammona, 41 anni; dell'imprenditore Salvatore Cucina, 50 anni; e della proprietaria di un terreno Maria Colapinto, 60 anni, accusati di violazione di sigilli. I fatti risalgono all'estate del 2010. Secondo l'accusa del pm Francesco Battaglia, che aveva chiesto la condanna ad un anno di reclusione e 800 euro di multa, mentre era in corso il processo per presunti abusi legati alla realizzazione di un parcheggio nei pressi della spiaggia dell'isola dei conigli, gli indagati avrebbero violato i sigilli consentendo di utilizzare l'area che era stata sequestrata. A presentare un esposto fu Legambiente.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook