Rifiuti, revocato lo sciopero dei netturbini

Scongiurata l’emergenza per la Sagra: recuperate le risorse per il pagamento delle tredicesime
Agrigento, Archivio

AGRIGENTO. Emergenza scongiurata anche stavolta. Nel tardo pomeriggio di ieri, i sindacati di categoria che rappresentano i lavoratori, hanno annunciato di avere revocato lo sciopero previsto per la giornata di sabato. La decisione è stata presa dopo avere preso atto della disponibilità economica raggiunta dalla Gesa che ha recuperato il milione e 680 mila euro per dare alle imprese la possibilità di pagare subito la tredicesima. Adesso sono necessari i tempi tecnici per l’accreditamento delle somme dopo di che i lavoratori avranno la prima delle quattro mensilità di cui sono creditori. Per gli altri soldi, dopo l’impegno del Capo del Dipartimento regionale per l’emergenza rifiuti Marco Lupo, bisognerà attendere una decina di giorni prima di avere i soldi della prima trance del finanziamento dei Piani di rientro presentati dai 19 Comuni della Gesa. «Va preso atto - ha commentato il commissario liquidatore di Gesa Teresa Restivo - del grande senso di responsabilità mostrato ancora una volta dagli operatori ecologici che hanno tutti i motivi per far sentire la voce della loro protesta. Faremo tutto quello che è nelle nostre possibilità per assicurare che una volta arrivati i soldi della Regione, questi vengano immediatamente resi disponibili per i loro stipendi. Dal canto loro i sindaci stanno via via decidendo di assumersi l’impegno del pagamento diretto attraverso convenzioni che permetteranno alle ditte di essere pagate dagli Enti e non dalla Gesa.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X