Licata, giudice condanna il Comune: "Applicare il contratto nazionale dei giornalisti"

La vicenda riguarda Antonio Morello per cui l'amministrazione aveva deciso di ritirare la delibera di incarico portandolo all'inquadramento nella categoria C: profilo professionale "esperto"
Agrigento, Archivio

LICATA. Il giudice del Lavoro del Tribunale di Agrigento ha condannato il Comune di Licata ad
applicare il contratto nazionale di lavoro giornalistico al dipendente Antonio Morello dopo che l'amministrazione, in autotutela, aveva deciso di ritirare la delibera di incarico demansionando il giornalista all'inquadramento nella categoria C, posizione economica C5, profilo professionale 'esperto'.

Lo rende noto l'Associazione siciliana della stampa sottolineando che questa è la quarta sentenza, dopo quelle di primo e secondo grado del tribunale di Messina e quella del Tribunale di Catania che ha condannato il Comune di Adrano, che riconosce in modo incontestabile la piena applicabilità negli uffici stampa degli Enti locali della Sicilia del contratto collettivo firmato da Fnsi e Assostampa con Anci e Urps e pubblicato sulla Gazzetta ufficiale della Regione.

Nel procedimento contro il Comune di Licata, l'Associazione siciliana della Stampa si era costituita in giudizio a fianco del giornalista Morello. "La sentenza - afferma l'Associazione siciliana della Stampa - confermando la chiara giurisprudenza che va ormai consolidandosi sempre più, boccia l'operato di quelle amministrazioni locali che avevano ritirato le delibere di incarico ai giornalisti con l'applicazione del contratto e, di fatto, conferma l'infondatezza della tesi sostenuta dall'ufficio della procura della Corte dei Conti che, dall'applicazione di questo contratto, aveva ipotizzato un eventuale danno erariale".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X