Bilancio, il Comune di Favara corre ai ripari

Oggi in Consiglio si discute anche sul rendiconto di gestione del 2010 «criticato» dalla Corte dei conti
Agrigento, Archivio

FAVARA. Lavoro straordinario per il consiglio comunale convocato per questa mattina (ore 10) dal suo presidente per trattare un ordine del giorno costituito da 10 punti. Campeggiano diverse mozioni e interrogazioni, ma l’argomento che suscita maggiore interesse e altrettanta preoccupazione è quello relativo al rendiconto di gestione 2010 su cui la sezione di controllo della Corte dei Conti per la Regione ha mosso dei rilievi chiedendo che venissero adottate le necessarie misure correttive.

E ha dato delle scadenze, 60 giorni dalla notifica del provvedimento avvenuta lo scorso 6 novembre. Le criticità rilevate dalla Corte dei Conti in sede di controllo del conto consuntivo relativo all’anno 2010 erano state evidenziate in maniera dettagliata, anche in tempi non sospetti, dal dirigente del settore finanziario, la dottoressa Carmelina Russello.
In sintesi, i rilievi mossi attengono al costante e notevole utilizzo di anticipazioni di tesoreria, alla presenza di debiti fuori bilancio, al persistente volume di residui attivi, alla mancata adozione di misure di contenimento della spesa del personale, compreso il fondo delle risorse decentrate, all’incapacità dell’ente locale di garantire i fondamentali equilibri di bilancio, l’equilibrio della gestione di competenza, quello di parte corrente e quello di parte capitale.
Per di più, il ragioniere capo segnala che la situazione finanziaria del Comune a decorrere dall’annualità 2011 si è ulteriormente aggravata per effetto dei rilevanti tagli ai trasferimenti erariali e regionali.

In attesa delle decisioni che prenderà questa mattina il consiglio comunale, la dirigente del dipartimento Finanze è da due settimane che non appone pareri di regolarità contabile in atti deliberativi che comportano impegni di spesa, relativamente ai servizi non obbligatori per legge, segnalati, di volta in volta, dai responsabili delle posizioni organizzative, salvo l’indicazione di equivalenti risparmi di spesa.

La dottoressa Russello ha, altresì, mandato a dire al sindaco Manganella e al presidente del consiglio Pitruzzella che c’è l’urgenza di rivedere tutti i contratti in corso per la razionalizzazione delle spese impegnate stante l’impossibilità di effettuare nei termini contrattuali i pagamenti delle relative fatture. Insomma, questa mattina il consiglio tornerà su atti che, temporalmente, sono appartenuti alla responsabilità della precedente legislatura.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X