Ato senza soldi, a rischio la raccolta

È in programma per stamani l’assemblea straordinaria dei soci dei sette Comuni nei quali il servizio viene garantito dalla Dedalo Ambiente
Agrigento, Archivio

LICATA. Solo oggi gli operatori ecologici della Dedalo Ambiente sapranno se Babbo Natale gli avrà portato “in dono” stipendio e tredicesima. Per le 10 di stamani è infatti in programma un’assemblea straordinaria dei soci con all’ordine del giorno l’approvazione del bilancio 2012. E’ nel corso del vertice tra i sindaci dei sette Comuni in cui l’Ato Ag3 raccoglie i rifiuti (Licata, Ravanusa, Naro, Canicattì, Palma di Montechiaro, Campobello di Licata e Camastra) che Rosario Miceli, commissario liquidatore della società, darà l’ultimatum alle amministrazioni comunali: o vengono versate subito le quote arretrate o il servizio viene sospeso per mancanza di fondi. Tra l’altro sulla raccolta dei rifiuti durante le feste incombe l’ormai imminente sciopero del personale. Visto che è quasi certo che stipendi di dicembre e tredicesime non verranno percepite, i netturbini sono pronti ad incrociare le braccia. Anche in questo caso le organizzazioni sindacali di categoria attendono il risultato dell’assemblea di oggi per decidere se proclamare, o meno, lo sciopero di tutto il personale.
“Ai soci ripeterò – sono le parole di Miceli – quello che dico ormai da giorni. Senza le rimesse di ognuno dei Comuni noi non siamo più in condizione di andare avanti. Se a fermarci non sarà lo sciopero del personale, certamente ci penseranno i fornitori. Quelli di carburante, per esempio, ci hanno già detto che se non onoriamo i debiti sono pronti a non rifornire più gli autocompattatori. Finora hanno assecondato le nostre richieste e dobbiamo ringraziarli per la sensibilità dimostrata, ma non intendono più andare avanti in questo modo. Non possiamo certo dargli torto. Mi auguro che dai sindaci dei Comuni arrivino risposte concrete. L’unica amministrazione comunale in regola con i pagamenti è quella di Campobello di Licata, al momento possiamo perciò garantire solo agli operai di quel cantiere stipendio e tredicesima”. A questo punto pare concreto il rischio che la raccolta dei rifiuti nei sette Comuni dell’agrigentino serviti dalla Dedalo Ambiente si fermi (ancora una volta) proprio durante le feste.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X