Palma, c’è l’ok al bilancio: in arrivo "stangata" Imu

Lo strumento finanziario, che ormai produrrà effetti nel 2013, va all’esame del Consiglio
Agrigento, Archivio

PALMA DI MONTECHIARO. La giunta comunale di Palma di Montechiaro ha approvato il bilancio di previsione del 2012, strumento che di fatto (visto che alla fine dell’anno in corso mancano ormai solo pochi giorni) produrrà effetti solo nel 2013. Se si fa riferimento all’Imu si tratta di un bilancio “lacrime e sangue”. L’esecutivo in carica, infatti, ha portato l’aliquota al massimo, al pari di molti altri centri siciliani, perciò per i palmesi è in arrivo una nuova “stangata”.

“Purtroppo – ha detto in più occasioni il sindaco Rosario Bonfanti per spiegare il perché dell’aumento dell’imposta sulla casa – siamo stati costretti a portare le aliquote al massimo. Tanto il governo centrale, quanto quello della Regione, hanno “tagliato” i trasferimenti per il nostro Comune. Per garantire i servizi minimi, rivolti soprattutto alle fasce più deboli della popolazione, non ci è rimasto altro da fare che aumentare l’aliquota”.

Ed a proposito di fasce deboli le aliquote stabilite dalla giunta però salvaguardano gli anziani che si trovano in comunità o case di riposo, ed i palmesi emigrati nelle regioni del nord Italia o all’estero. Pagheranno, infatti, l’Imu con l’aliquota della prima casa, malgrado di fatto per loro si tratti della seconda, considerato che la abitano solo per brevi periodi durante l’anno. Riguardo agli anziani che si trovano nelle case di riposo ovviamente otterranno la riduzione a condizione che non abbiano affittato ad altri le loro abitazioni. Come si ricorderà la questione Imu è andata per due volte in consiglio comunale.

Nel primo caso l’assise aveva votato no alla riduzione delle aliquote per le fasce deboli, mentre la seconda volta era passata la linea dettata dall’amministrazione comunale e condivisa da gran parte dei consiglieri. Ieri il presidente del consiglio, Angelo Romano, ha convocato l’assemblea per il prossimo 10 di dicembre. All’ordine del giorno l’approvazione del bilancio di previsione, di quello pluriennale e della relazione previsionale e programmatica 2012 – 2014, la verifica degli equilibri di bilancio e lo stato di attuazione dei programmi, ma anche la presa d’atto della pronuncia della Corte dei Conti sul rendiconto di esercizio del 2010.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook