La morte di un feto di 28 settimane: indagati nove medici

Ieri mattina è stato conferito l'incarico ai tre consulenti tecnici che poco dopo hanno effettuato l’autopsia
Agrigento, Archivio

AGRIGENTO. Nove medici indagati per la morte del feto di ventotto settimane, avvenuta il 18 novembre scorso. Si tratta di sanitari in servizio al reparto di Ostetricia e Ginecologia dell'ospedale San Giovanni di Agrigento. L'accusa ipotizzata a loro carico è di omicidio colposo. L'inchiesta è stata avviata dopo le denunce dei genitori.

Gli esiti dell'autopsia si conosceranno nelle prossime settimane. La madre del nascituro, secondo la ricostruzione dei fatti, era arrivata al "San Giovanni di Dio" con le membrane rotte. I medici l'avevano immediatamente ricoverata e tenuta sotto costante osservazione al reparto di Ginecologia ed Ostetricia

Nei primi momenti il quadro clinico sembrava procedere senza particolari complicazioni ma il feto era troppo piccolo per venire al mondo e bisognava temporeggiare. Durante uno dei monitoraggi, però, i medici hanno appurato che il cuore del feto aveva smesso improvvisamente di battere. Il piccolo era deceduto in grembo alla madre. Il giorno dopo i genitori hanno presentato una denuncia alla polizia che ha sequestrato le cartelle cliniche.
Un servizio nell'edizione di Agrigento del Giornale di Sicilia in edicola oggi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X