Rigoli suona la carica: con la Folgore l’Akragas vuole il bis

Sabato scorso la squadra di Rigoli si è sbarazzata con un perentorio tre a zero del Monreale conquistando l'undicesima vittoria in dodici partite e consolidando il primato
Agrigento, Archivio

AGRIGENTO. «Affrontiamo la Folgore con la massima concentrazione. Domenica abbiamo la fortuna di giocare di nuovo davanti al nostro pubblico, questo deve spronarci ancora di più».
L'allenatore dell'Akragas, Pino Rigoli, suona la carica in vista della seconda partita casalinga consecutiva. Sabato scorso la sua squadra si è sbarazzata con un perentorio tre a zero del Monreale conquistando l'undicesima vittoria in dodici partite e consolidando il primato. Il secondo posto, occupato non più dal Campofranco ma dal San Giovanni Gemini, dista adesso sette punti. Domenica all'Esseneto arriva un'altra formazione abbastanza attardata in classifica. Sulla carta l'avversaria è molto meno quotata dei biancoazzurri. Ma Rigoli non si fida.

«La Folgore - spiega l'allenatore - domenica scorsa ha messo in difficoltà il Raffadali, è una squadra tosta e da non sottovalutare». I trapanesi hanno perso in casa per tre a uno ma hanno dato la sensazione di essere una squadra viva. Il tecnico agrigentino è pronto alla sfida. «Dobbiamo fare attenzione alle loro incursioni, credo che domenica ci troveremo davanti - continua Rigoli - una squadra con il coltello tra i denti, ma noi so già che non saremo da meno. L'Akragas scende in campo sempre per vincere».

Due gli indisponibili. Morgana starà fuori per un paio di settimane per un infortunio muscolare. Stessi tempi di recupero previsti per il giovane Tino Parisi che sabato è stato scelto da Rigoli per sostituire lo stesso Morgana e ha rimediato una lesione al bicipite femorale. Rigoli non si sbilancia sulla possibile formazione ma la soluzione di Bonaffini arretrato nella corsia destra della difesa e Caci in mezzo al campo per fare quadrare i conti con il regolamento degli under sembra averlo convinto. Per il resto la formazione dovrebbe essere quella cosiddetta titolare. Il giudice sportivo ha diramato il consueto comunicato settimanale. Non ci sono novità per l'Akragas. L'unica segnalazione di rilievo disciplinare riguarda il difensore centrale Vindigni che contro il Monreale ha rimediato la terza ammonizione ed è stato diffidato.

In città ci si prepara alla sfida con grande tensione agonistica. La tifoseria sembra avere capito che può essere la stagione giusta dopo una quindicina di anni di attesa per risalire nel calcio che conta. L'allenatore Pino Rigoli, sabato scorso, subito dopo la partita contro il Monreale, aveva rivolto un appello ai tifosi invitandoli ad affollare la curva. L'attesa è quella del grande evento anche nell'ottica della partita successiva in trasferta a San Giovanni Gemini. In due settimane si può dare un altro scossone importante al campionato.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X