Villa di Baglioni a Lampedusa: "Nessun abusivismo"

Lo afferma l'avvocato Titta Madia, difensore del legale rappresentante della società, Francesco Novaro. «Con sentenza del tribunale di Agrigento dell'11 gennaio scorso - spiega - è stata riconosciuta l'estraneità a qualsiasi abuso edilizio o amministrativo dello stesso Novaro»

LAMPEDUSA. Nessun abusivismo legato alla villa  di Lampedusa in cui Claudio Baglioni trascorre le sue vacanze è  riconducibile all'attuale proprietà, la società Calacreta, ma,  eventualmente ai precedenti proprietari. Lo afferma l'avvocato  Titta Madia, difensore del legale rappresentante della società,  Francesco Novaro.   «Con sentenza del tribunale di Agrigento dell'11 gennaio  scorso - spiega - è stata riconosciuta l'estraneità a  qualsiasi abuso edilizio o amministrativo dello stesso Novaro».     L'immobile è stato recentemente sequestrato, insieme con  altre strutture dell'isola, dalla procura di Agrigento. «Quindi  - aggiunge Madia - confidiamo che presto il nuovo procedimento  penale si concluda positivamente»   

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X