Sciacca, aumenta pure il costo dei loculi

Una determinazione adottata dal sindaco Di Paola prevede, per quelli in prima e seconda fila, un «ritocco» di poco superiore ai cento euro
Agrigento, Archivio

SCIACCA. Il Comune punta su tutto per fare cassa, anche sui loculi cimiteriali, il cui prezzo di concessione è stato aumentato. Lo stabilisce una determinazione adottata dal sindaco, Fabrizio Di Paola. L’ultima delibera che fissava il prezzo dei loculi era stata adottata dalla giunta municipale il 16 settembre del 2010.

Adesso, visto il lasso di tempo intercorso dall’adeguamento, si è proceduto a un «ritocco» dei prezzi, a seconda della fila nella quale sono collocati i loculi. Quelli nella prima fila dal basso, dove con maggiore facilità si può mettere un fiore, passeranno da 1850 a 1956. Stesso prezzo e identico aumento per la sceonda fila. La terza, sempre dal basso, passa da 1650 a 1753 e la quarta da 900 a 956.

Quella della vendita dei loculi è una delle iniziative che, nelle speranze degli amministratori comunali, può contribuire a rimpinguare le casse del Comune. L’ente ne ha fatti costruire 300 grazie a un mutuo da 500 mila euro. Adesso ne mette in vendita 126 dai quali vorrebbe ricavare circa 200 mila euro. Gli altri devono rimanere non occupati per fronteggiare tutte le richieste che arriveranno in futuro.

Negli anni passati, in varie occasioni, il Comune per mancanza di loculi ha dovuto fare ricorso alla requisizione di quelli delle Confraternite. Non tutti sono stati restituiti e in qualche caso quelli tornati nelle disponibilità delle Confraternite non erano nelle migliori condizioni per potere essere subito occupati.

Adesso, con la costruzione di questi nuovi loculi, l’ente sarà in condizione di fare fronte alle richieste e cercherà di fronteggiare l’emergenza che non consente neppure di pagare gli stipendi ai dipendenti oltre che di non rispettare altri impegni riguardanti servizi importanti.

Il Comune da un lato vanta crediti per diversi milioni di euro, anche dalla Regione, che deve saldare la prima, la seconda e la terza trimestralità, e dall’altro ricorre costantemente al fondo di riserva del sindaco anche per garantire interventi da poche centinaia di euro. Un nuovo obiettivo è quello dei loculi cimiteriali. Ogni morto porterà nelle casse dell’ente da 956 a 1956 euro, secondo l’aggioramento dei prezzi contenuto nella determinazione adottata dal sindaco, Fabrizio Di Paola, su proproposta degli uffici, e pubblicata all’albo pretorio.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook