Lettere di licenziamento per 400 netturbini

Gli operatori ecologici sono dipendenti delle ditte che si occupano della raccolta dei rifiuti ad Agrigento e negli altri 18 Comuni dell'Ato Gesa Ag2. Le azeinde vantano crediti per oltre 12 milioni di euro
Agrigento, Archivio

AGRIGENTO. Lettere di licenziamento collettivo per gli oltre 400 operatori ecologici delle ditte che si occupano della raccolta dei rifiuti ad Agrigento e negli altri 18 Comuni dell'Ato Gesa Ag2. A firmarle stamani è stato il raggruppamento temporaneo di imprese. Già 12 giorni fa, il raggruppamento di cui è capogruppo l'Iseda e nel quale convergono Sap, Ecoin, Icos e Seap, aveva diffidato l'Ato Gesa Ag2 al pagamento di 11 milioni e 798mila euro entro il 12 novembre, altrimenti il contratto sarebbe stato rescisso, con la conseguente, definitiva, interruzione del servizio di raccolta dei rifiuti e il licenziamento degli operatori ecologici.
"Le lettere di licenziamento collettivo - ha spiegato l'amministratore delegato dell'Iseda Giancarlo Alongi, anche nella qualità di capogruppo del raggruppamento delle imprese - sono una decisione che non abbiamo preso alla leggera. Siamo stati costretti a farlo. Il termine del 12 novembre è sempre più vicino e non sono ancora intervenuti fatti nuovi su quei quasi 12 milioni di euro di credito che vantiamo. Fra oggi e domani il soggetto attuatore ci liquiderà 27 giorni di lavoro che serviranno a pagare tasse ed obbligazioni nei confronti dello Stato che non abbiamo potuto saldare fino ad ora. Non saranno pertanto fondi che andranno a diminuire quel credito vantato. Ci dispiace rescindere il contratto e perdere il lavoro - ha concluso - . Ma con un lavoro in questi termini, con questi mostruosi ritardi, andiamo incontro al fallimento".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X